La vipera cespuglio verde

Vipera Cespuglio Verde

L’Atheris squamigera, comunemente chiamata vipera cespuglio verde, vipera cespuglio africana o vipera crestata, vipera squamata, è un rettile appartenente alla famiglia Viperidae che vive nelle zone dell'Africa occidentale e centrale.

 

Questa vipera vive nelle foreste tropicali e in aree con fitta vegetazione dove prede, come piccoli roditori, sono comuni e sono facili da predare. È più comune ad altitudini comprese tra i 100 e i 400 metri sul livello del mare e predilige habitat umidi.

Atheris squamigera ha un corpo ricoperto di squame carenate, caratteristica più distintiva di questa specie. La colorazione tipica di questo animale è giallo-verde sul dorso e sul ventre e tali colori l’aiutano nel camuffarsi nel suo habitat naturale. Le femmine tendono ad essere leggermente più grandi dei maschi e raggiungono i 71 centimetri, mentre i maschi misurano mediamente 66 centimetri. La testa è generalmente più grande rispetto al corpo e ha una forma triangolare con l’orientamento nasale laterale. Questa vipera, a dispetto di molti altri serpenti, ha il muso corpo e gli occhi relativamente grandi. Possiede due denti cavi che inoculano veleno che si produce in una ghiandola situata sulla mascella superiore tra gli occhi e la bocca. Questi denti sono retrattili e sono collegati a un osso che può essere spostato posteriormente rispetto alla mascella superiore così da permetterne i movimenti.

La vipera cespuglio africana è notturna, solitaria e un predatore d’agguato. Spende una gran parte del suo tempo in attesa di una preda che colpisce molto rapidamente una volta entrata nel suo campo.

L’Atheris squamigera è carnivora. Si nutre principalmente di piccoli mammiferi notturni, come i toporagni e i roditori. Meno comunemente, si nutre di uccelli e piccoli rettili. Gli esemplari giovani si nutrono di rettili più spesso rispetto agli adulti che però si possono nutrire di loro. Il veleno di questo animale è letale e viene utilizzato per uccidere la preda prima dell’ingestione. Il morso di questa vipera, negli esseri umani, può causare febbre, emorragie e morte.

Le vipere squamate si riproducono una volta l'anno, in genere durante la stagione delle piogge (da maggio ad agosto) e l’accoppiamento si verifica più spesso durante la notte. Una volta che le uova sono fecondate, la gestazione dura 2 mesi. In media, 7-9 piccoli vengono dati alla luce. I piccoli raggiungono la maturità a dispetto del sesso: le femmine la raggiungono a 42 mesi, mentre i maschi a soli 24 mesi.

Essendo una specie ovovivipara, le femmine di vipera cespuglio verde porta i piccoli internamente, proteggendoli nella fase che precede il parto ma li abbandonano subito dopo la nascita. I piccoli, già appena nati, sono velenosi e indipendenti.  

La durata media della vita di una vipera squamata non è stata documentata ma la maggior parte delle vipere vive da 10 a 20 anni in natura. È stato suggerito che le vipere in cattività possano vivere più a lungo perché i fattori di rischio come la predazione, la malattia e la dieta vengono controllati.

Questi animali ha pochi predatori naturali: altri serpenti, compresi i conspecifici e gli esseri umani che li catturano perché possono influire negativamente sulla pesca e le attività agricole.