Il tayra

tayra

Il tayra (anche detto tolomuco e perico ligero), dagli studiosi chiamato Eira barbara, è un mustelide che popola le foreste neotropicali del Centro e Sud America.

Il tayra è un mustelide che ha circa le dimensioni di un cane di taglia media, con una coda lunga e folta e un lungo collo che termina con una testa robusta. Il corpo misura all’incirca 60/70 centimetri di lunghezza e la coda da sola ne misura 35/40. I tayra posseggono delle grandi zampe posteriori che misurano tra i 35 e 40 mm e il colore della loro pelliccia varia a seconda della zona geografica nella quale sono stanziati ma in generale posseggono il corpo marrone scuro e la testa di colore più chiaro. Solitamente questi esemplari di mustelidi posseggono una macchia bianca in corrispondenza della gola e lunghi artigli e canini.

Gli esemplari di Eira barbara sono diurni e in genere si spostano in maniera solitaria o, al massimo, in gruppi di due individui. I tayra, inoltre, sono sia terrestri che arboricoli e la loro locomozione terrestre si caratterizza per irregolari balzi che comportano un inarcamento della schiena e della lunga coda. Gli spostamenti sugli alberi, sono facilitati da una locomozione orizzontale e dal bilanciamento della coda che funge da contrappeso.

I tayra sono in grado di effettuare lunghi balzi per spostarsi in zone rocciose e sugli alberi e quando si sentono minacciati emettono un suono simile a un abbaio per poi cercare un riparo nelle vicinanze. Anche se solitamente risulta silenzio, il tayra è conosciuto per emettere ululati, ringhi o suoni gutturali quando si trova in gruppo.

Il tayra è un animale onnivoro anche se mostra una preferenza elettiva per i piccoli mammiferi come il topo spinoso. I mammiferi rappresentano, in ogni caso, il contributo maggiore all’alimentazione si questo mammifero che mangia anche frutta, invertebrati, rettili e il favo.

Si hanno poche conoscenze in merito alle modalità di riproduzione di questi mammiferi ma si ritiene che la gestazione duri in media tra i 63 e i 70 giorni con un parto di 2 o 3 cuccioli per stagione riproduttiva. I cuccioli pesano all’incirca 74/92 grammi alla nascita e sono in grado di aprire gli occhi al compimento dei 35/58 giorni. Alcuni suppongono le l’estro delle femmine di tayra sia stagionare e che le nascite si concentrino tra i mesi di marzo e luglio ma altri credono che siano animali dalla riproduzione non stagionale che possono entrare in estro e accoppiarsi diverse volte durante l’anno. Per questi srudioni, infatti, questi mustelidi vivono un periodo di estro di circa 17 giorni con 2/3 giorni di ricettività circa tre volte durante l’arco dell’anno.  

I cuccioli raggiungono, mediamente, l’indipendenza entro i 2 o 3 mesi di vita per poi diventare maturi sessualmente entro i 6 mesi in caso siano maschi ed entro i 2 anni nel caso siano femmine. La vita media di questo animale è di circa 18 anni in cattività ma non si hanno notizie in merito alla sua longevità in natura.

È stato riscontrato che i tayra possono essere domani e frequentemente vengono utilizzati come animali domestici; non di rado sono stati utilizzati dalle popolazioni indigene per tenere sotto controllo la prolificazione dei roditori.